Iran, eseguita la seconda condanna a morte. La vittima aveva 23 anni

Iran, eseguita la seconda condanna a morte. La vittima aveva 23 anni

Iran, eseguita la seconda condanna a morte. La vittima aveva 23 anni ed era accusata di aver ucciso due persone

Le autorità iraniane lo avevano annunciato, altre esecuzioni sarebbero avvenute. Fino ad ora i condannati a morte sono 11, tutti colpevoli di aver preso parte alle manifestazione sorte dopo la morte in carcere di Mahsa Amini.

Questa volta a perdere la vita è un 23enne, Majidreza Rahnavard. Il giovane è stato giustiziato per impiccagione sulla pubblica piazza nella città di Mashhad. La condanna che gli è stata inflitta è per aver accoltellato e ucciso lo scorso 23 novembre, due membri della forza di volontari Basij. Inoltre, ne avrebbe feriti altri quattro.

Non si hanno molte notizia sulla vita di Majidreza Rahnavard. Il Corriere della Sera informa che “era un giovane wrestler che sognava di viaggiare”. Sempre il Corriere riferisce, che “questa mattina le autorità iraniane avrebbero chiamato la famiglia del giovane manifestante per informarla dell’avvenuta impiccagione e avrebbero fatto sapere che si sarebbero occupati loro della sepoltura”.

Leggi anche: ALESSANDRA AMOROSO VITTIMA DI CYBERBULLISMO, LA BIG FAMILY RISPONDE

Probabilmente la mancata restituzione del corpo ai familiari è un tentativo delle autorità di nascondere le violenze e le torture nelle carceri.
Come era accaduto per Shekari, anche per Majidreza è stato negato un processo equo: «Rahnavard è stato condannato a morte sulla base di confessioni estorte, dopo un processo gravemente iniquo», ha detto Mahmood Amiry-Moghaddam, fondatore di Iran Human Rights.

Gli attivisti e le Ong che seguono la vicenda stanno invitando i governi di tutto il mondo a ritirare i propri rappresentanti nel paese: «Richiamate i vostri ambasciatori».

Fonte immagine: https://twitter.com/pinapic/status/1602223529298206720/photo/1 – https://twitter.com/channeldraw/status/1602208504877617154/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *