Giuseppe Cruciani si racconta, tra La Zanzara e una esperienza omosessuale

Cruciani

Il conduttore de La Zanzara di racconta

Giuseppe Cruciani, voce de La Zanzara si è raccontato a Corriere della Sera, parlando del programma, di un suo libro in uscita e anche di altro.

Ammette che lo infastidisce: «considerare le persone sulla base delle preferenze sessuali. A me non frega se uno è bisessuale, trisessuale, se fa le orge, lo valuto per quello che è e pensa. La catalogazione Lgbtq+ è un’aberrazione, lo dico da libertario, non da moralista di destra, eppure passo per omofobo anche se sono a favore di adozioni gay, utero in affitto e matrimonio gay uguale a quello etero».

Poi: «Mi interessano le risse verbali, non quelle fisiche. E se sei famoso, nella rissa, ci rimetti sempre tu, meglio passare per vittima. L’ho detto anche al mio amico Fedez. In generale, senza riferimenti alla presunta rissa».

Cruciani poi precisa: «Non sono razzista, ma l’immigrazione clandestina è da combattere. Invece, per il politicamente corretto, l’immigrazione è di per sé buona e dobbiamo accogliere per senso di colpa. Ma io non mi sento in colpa di essere nato qui e rivendico il diritto di essere egoista. Senza egoismo, non ci sarebbero sviluppo e progresso».

Leggi anche: Italia, non si placano le polemiche per l’eliminazione. E spunta il retroscena sui rigori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *