GF Vip, il web contro le affermazioni di Filippo Nardi su Maria Teresa Ruta

Sui social chiedono la squalifica del conte dal Grande Fratello Vip contro le sue battute nei confronti di Maria Teresa

Filippo Nardi è entrato a gamba tesa nella casa di Cinecittà. E il pubblico lo ha notato, prendendo le difese della giornalista Maria Teresa Ruta, che sarebbe stata bersagliata da Nardi con parole offensive. Come si sente dall’audio pubblicato sui social, Nardi avrebbe offeso oltre Maria Teresa anche altre concorrenti della casa del Grande Fratello Vip, come riferiscono alcuni utenti fan del reality.

Lui ha fatto il suo ingresso al Grande Fratello Vip venerdì scorso. Quasi subito si è reso protagonista di un diverbio con Rosalinda Cannavò. Il tema? Le pulizie di casa. Infatti Nardi e Samantha De Grenet, altra concorrente entrata la stessa sera di Filippo come concorrente del reality di Canale 5 e con loro Sonia Lorenzini, si sono dati da fare con le pulizie della casa, lamentandosi dei capelli e dei peli trovati in bagno, suscitando un certo malcontento tra i vipponi e il nervosismo di Maria Teresa, che dal suo ingresso si è sempre presa cura di tutto nella casa, insieme agli altri ragazzi, compagni d’avventura.

Le parole di Filippo Nardi su Maria Teresa Ruta

Torniamo alle offese. L’ex Iena avrebbe infatti detto su Maria Teresa Ruta durante una chiacchierata con Stefania Orlando avvenuta in giardino:  “E’ borderline, soffre di psicosi a momenti”. Un’affermazione che ha avuto un seguito, perché pare che le offese non si limitino a queste. Ecco cosa altro avrebbe detto Nardi: “Se guardo Maria Teresa mi viene da vomitare”, “Mi fa pena”, Se fosse l’ultima donna sulla faccia della terra… una sveltina…”.

Ma l’ex Iena non si sarebbe limitata a questo. Infatti andando a fumare in giardino avrebbe fatto un paragone poco carino nei confronti delle donne della casa, Ruta compresa, ecco la frase che il web ha evidenziato: Sembra di stare ad Amsterdam, quelle due sono in sconto, quella invece ha più esperienza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *