Firenze, 20enne si arrampica sul tetto della scuola e muore

Firenze, 20enne si arrampica sul tetto della scuola e muore

Firenze, 20enne si arrampica sul tetto della scuola e muore. Forse voleva farsi un selfie, ma è precipitato da un’altezza considerevole

Roberto Frezza, 20 anni, la scorsa notte ha perso la vita in quella che è stata la sua scuola. La tragedia si è consumata nell’istituto Gobetti Volta di Bagno a Ripoli, in provincia di Firenze. A raccontare l’accaduto è stato un suo amico.

Roberto voleva far vedere all’amico la scuola che aveva frequentato e di cui parlava sempre anche sui social. Ed è proprio nella sua amata scuola, che il giovane ha perso la vita. Stando al racconto dell’amico, con Roberto hanno scavalcato il cancello della scuola e hanno raggiunto il tetto forse attraverso la scala esterna di emergenza.

Leggi anche: QUIRINALE, CASINI E DRAGHI I NOMI PIÙ ACCREDITATI

Lo scopo del giovane era quello di farsi un selfie, ma forse ha messo un piede in fallo ed è caduto da un’altezza considerevole. A dare l’allarme è stato l’amico che era con lui, il quale agli inquirenti avrebbe detto: «Voleva farmi vedere la sua vecchia scuola».

Sui social sono tanti i messaggi di cordoglio di quanti lo conoscevano, tra cui spicca quello dell’Asd Fortis Juventus 1909, che scrive: “Asd Fortis Juventus 1909 piange la prematura e tragica scomparsa di Roberto Frezza e porge le più sentite condoglianze alla famiglia e ai suoi affetti più cari. “A soli vent’anni Roberto ci lascia in una fredda e maledetta domenica di gennaio. E crea un gelo e uno choc terribile in tutto quanto il mondo calcistico che ha avuto il privilegio di conoscerlo. Dalla Tre Esse al San Piero dalla “nostra” Fortis all’Olimpia Firenze, dal Pontassieve alla Gallianese il tuo sorriso da ragazzo d’oro e le tue gesta in campo rimarranno per sempre impresse nei nostri cuori. Riposa in pace Roberto, ci mancherai“.

Fonte immagine: https://twitter.com/Ragusanews/status/1485513212040601600/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *