Fano, coppia di coniugi trovati morti in casa. Sotto interrogatorio il figlio 40enne

Fano, coppia di coniugi trovati morti in casa. Sotto interrogatorio il figlio 40enne

Fano, coppia di coniugi trovati morti in casa. Sotto interrogatorio il figlio 40enne che si dice estraneo ai fatti

Una coppia di coniugi, Luisa e Giuseppe (conosciuto come Giorgio) Ricci, sono stati uccisi nella loro abitazione a Fano (Pesaro-Urbino). A dare l’allarme sarebbe stato il figlio della coppia.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo, 75enne, sarebbe stato trovato con la testa fracassata, mentre la donna, 70 anni, presentava evidenti segni di soffocamento. A dare l’allarme è stato il figlio, che allarmato dalla mancata risposta dei genitori alle 7:30 ha immediatamente chiamato i soccorsi. Per accedere all’appartamento è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco.

Le forze dell’ordine sono al lavoro per ricostruire l’accaduto e individuare i responsabili del duplice omicidio. Il figlio della coppia è stato interrogato a lungo, ma al momento non è emerso alcun movente chiaro per il delitto. Il 40enne si sarebbe detto estraneo al delitto. In casa sono stati rinvenuti evidenti segnali di una colluttazione.

Leggi anche: Latina, la tragica storia di Parambir Singh, medico costretto a fare il bracciante

Gli inquirenti stanno ascoltando anche i vicini di casa, che potrebbero fornire importanti indizi sull’intera vicenda. Non si escludono piste investigative legate a questioni familiari, rancori personali. Tutte le ipotesi, per ora, restano aperte.

Secondo quanto riportato da Il Resto del Carlino, molto sconvolto si è detto il prete Don Vincenzo Solazzi, che voleva andare a dare una benedizione ai corpi, ma non è stato finora possibile in quanto sono in corso i rilievi della polizia.

Le indagini proseguono serrate, mentre la Procura attende i risultati dell’autopsia per fare luce sulle cause precise della morte e per indirizzare le indagini.

Fonte immagine: https://www.facebook.com/questuradiroma/photos_by

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *