Europei di Atletica, è Tamberi show sotto lo sguardo di Mattarella

Tamberi

Ora l’azzurro preparerà i Giochi di Parigi

Gianmarco Tamberi c’è e risponde presente agli Europei di Roma. Alla prima uscita stagionale il capitano della spedizione azzurra, la più numerosa di sempre, centra l’oro, il terzo consecutivo.

Il tutto davanti agli occhi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha assistito anche all’oro, il secondo di Nadia Battocletti e all’argento di Alessandro Sibilio.

Per la gara, Tamberi, come faceva tempo fa, sfoggia la mezza barba. Salta prima a 2.22 e poi fa fatica a 2.26, superato solo al secondo turno.

La gara prosegue a 2,29 con un primo errore,  netto, per Tamberi. L’ucraino Lavskyy, l’avversario della serata, invece ci riesce e balza al comando. L’azzurro sbaglia anche al secondo e rischia l’eliminazione.

Con le spalle al muro, come già accaduto tante volte nella sua inimitabile carriera, Tamberi trova il colpo di classe: 2,29 superato alla terza prova, con l’asticella che trema ma non cade, e al momento sarebbe argento.

Le medaglie si girano a 2.31: il marchigiano piazza il colpo al primo tentativo. Nullo per l’ucraino che passa a 2.33.

Pure Tamberi fa due errori e anche Lavskyy, sarebbe oro ma qua inizia lo show del saltatore. Salta a 2.34 al primo turno e fa tremare tutti.

Si tocca il piede sinistro, ma è uno scherzo e tira fuori le molle da una scarpa. Non si accontenta, prova 2,37 e anche stavolta al primo salto. Sigla il record dei campionati (battuto il 2,36 del russo Andrey Silnov nel 2006) e migliore prestazione mondiale dell’anno.

Il fuoriclasse azzurro torna a saltare la stessa misura dell’oro olimpico di Tokyo, a due mesi dai Giochi di Parigi dove andrà in caccia della conferma, un centimetro in più dell’oro mondiale della scorsa stagione a Budapest con 2,36.

“Se non avessi vinto, probabilmente non avrei parlato per un mese. Ero in forma stratosferica, ma al debutto stagionale e alla prima gara può succedere di tutto. Dopo aver rinunciato alla gara al meeting di Ostrava, c’erano dubbi però sapevo di aver lavorato benissimo. Ho investito tutto quello che potevo in questa stagione. Sì, volevo fare il record dei campionati. Da capitano, dopo le vittorie dei miei compagni, non potevo vincere con una ‘misuretta’. Siamo una squadra pazzesca. L’Italia dell’atletica è incredibile. Ora si entra in gara con la voglia di raggiungere il proprio obiettivo e non con la paura di fallire, con gli occhi pieni di sogno”.

Ph. Credit: Quirinale

Leggi anche: Europei di Atletica, stasera Mattarella in tribuna allo Stadio Olimpico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *