Diana Di Meo, l’arbitra di calcio è stata vittima di revenge porn

Diana Di Meo, l'arbitra di calcio è stata vittima di revenge porn

Diana Di Meo, l’arbitra di calcio è stata vittima di revenge porn. In un video su Instagram racconta la terribile esperienza

Diana Di Meo è stata vittima di Revenge porn. A denunciare l’accaduto è stata la stessa arbitra di calcio sui social. Attraverso un video su Instagram la Di Meo ha spiegato l’accaduto.

Una serie di video privati, alcuni girati a sua insaputa, sono stati diffusi su chat Telegram e Whatapp. Diana Di Meo ha dichiarato di aver sporto denuncia alle autorità competenti, che si stanno occupando di individuare i colpevoli e coloro che hanno contribuito alla diffusione dei video.

Inoltre, la Di Meo racconta anche come ha scoperto il reato, ovvero attraverso la segnalazione dei link social da parte di alcuni ragazzi, che ha prontamente ringraziato.

Inoltre la Di Meo ha aggiunto una considerazione su quanto sta vivendo: “è una situazione che non auguro a nessuno. (…) Io sto resistendo, sto provando a resistere, ma non tutti riescono. (…) L’unica cosa che possiamo fare è segnalare video e persone”.

Inoltre, il video è accompagnato da una didascalia dove Diana Di Meo ha scritto: “Revenge porn: il revenge porn, definito anche come «pornografia non consensuale» ed anche abuso sessuale tramite immagini, è l’atto di condivisione di immagini o video intimi di una persona senza il suo consenso“.

Ha poi aggiunto: “Io sono qui a parlarne, molti di noi non riescono a farlo e si nascondono. Spero di dare voce a tutte quelle vittime che vengono colpevolizzate, quando in realtà il colpevole è dall’altra parte dello schermo, che riprende o ‘si limita’ a condividere. Oggi la vittima sono io, domani potrebbe essere una persona vicina a chi magari adesso sta guardando i video e sorride. Non è mai colpa della vittima, ricordatevelo. Sempre a testa alta ragazzi, sempre“.

Fonte immagine: https://www.instagram.com/p/CY2AUT1slmw/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *