David Sassoli, la malattia e il decesso e le illazioni dei No Vax

David Sassoli, la malattia e il decesso e le illazioni dei No Vax

David Sassoli, la malattia e il decesso e le illazioni dei No Vax. Venerdì 14 gennaio i funerali di Stato a Roma

Messaggi di cordoglio sono giunti da ogni paese. La morte di David Sassoli ha commosso non solo il mondo politico, ma anche quello del giornalismo.

Nella giornata di oggi è previsto il Consiglio dei ministri per deliberare sui funerali di Stato, previsti per il 14 gennaio nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Roma. La camera ardente sarà allestita, invece, in Campidoglio. Le bandiere italiana e dell’Europa ne palazzi istituzionale e dell’Unione saranno a mezz’asta.

David Sassoli aveva contratto una polmonite da legionella, che lo aveva debilitato. Successivamente aveva avuto una ricaduta, che lo ha costretto al ricovero presso il Centro oncologico di Aviano, in provincia di Pordenone, dove per complicanze al sistema immunitario è deceduto.

Leggi anche: MORTE DI DAVID SASSOLI, IL CORDOGLIO DEL MONDO POLITICO E DEL GIORNALISMO

In passato, Sassoli aveva sofferto di un mieloma, un tumore del sangue, e aveva subito un trapianto di midollo. Nulla a che vedere con le illazioni comparse sul web, secondo cui la malattia e la morte sarebbero correlate al Covid e alla dose di vaccino.

Ha fatto molto parlare il tweet di Paolo Becchi che ha scritto: «Rispetto per la morte di David Sassoli. Ma è morto in seguito alla terza dose? Non c’è nessuna correlazione? Non rendete pubblica neppure l’autopsia? O non la fate neppure? Costringete la gente a vaccinarsi e a morire. State costruendo una tirannia sanitaria mai esistita prima».

L’Università di Genova, visto il contenuto del tweet di Becchi, ha dichiarato:

Sulla vicenda si è espressa anche Teresa Bellanova, esponente di Italia viva che su Facebook ha scritto: “Vergogna. Non ci sono altre modi per commentare le illazioni di Paolo Becchi sulla morte di David Sassoli“. Ha aggiunto poi: “In queste ore tantissimi nelle reti no vax hanno esultato, diffondendo parole d’odio e macchiando la memoria di un uomo di valore, che ha dedicato la sua vita all’Italia e all’Europa, portando avanti con convinzione principi e ideali fondamentali delle nostre democrazie“. Quindi, l’esponente di Italia viva ha concluso: “Mi auguro che i responsabili di quelle offese vengano individuati e sanzionati. Basta diffondere odio e bugie. Oggi c’è spazio solo per il silenzio commosso di chi conosceva David, la sua storia, il suo impegno“.

Fonte immagine: https://twitter.com/DavidSassoli/status/1387456811066871810/photo/2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *