Anila morta in azienda, i familiari: «Ci hanno avvisato per ultimi. Adesso vogliamo giustizia»

Muore schiacciata da un macchinario, la vittima aveva solo 26 anni

Anila morta in azienda, i familiari: «Ci hanno avvisato per ultimi. Adesso vogliamo giustizia». Ecco le parole dei colleghi

La morte di Anila Grishaj c’è un indagato. Si tratta di un collega, che avrebbe azionato il macchinario che ha ucciso Anila senza rendersi conto che la ragazza stesse nei pressi dello stesso. Dopo una verifica, è probabile che la giovane si sia avvicinata al bancale per un controllo, uscendo dalla visuale della console comandi. In quel momento il collega, non vedendo nessuno, avrebbe riavviato la macchina.

La sera dell’incidente mortale, i familiari sono arrivati sul luogo della tragedia, dando vita a momenti di tensione. La sorella della vittima spiega: «Siamo stati gli ultimi a saperlo, è una vergogna, avremmo dovuto essere i primi. Non ci hanno detto niente per due ore, l’abbiamo scoperto dai siti internet».

Un cugino di Anila, invece dice: «Vogliamo giustizia, ci devono dare delle spiegazioni». Anila era fidanzata e il cugino aggiunge: «Dicevano che quella era una delle macchine più sicure, costava milioni di euro. Ci devono dire perché è morta mentre stava facendo il suo lavoro. Si trovava bene, lì, aveva un bel ruolo. Vogliamo che sia fatta giustizia».  Angela Colmellere, ex sindaco di Miane ed ex deputata dice: «La nostra comunità è scossa, è un dramma che lascia sgomenti. Ricordo Anila come una ragazza in gamba, sorridente, la sua famiglia molto integrata, grandi lavoratori. Siamo tutti senza parole».

Leggi anche: Muore schiacciata da un macchinario, la vittima aveva solo 26 anni

Un altro collega di Anila ha raccontato: «Questa notte non ho dormito, siamo scoppiati tutti a piangere perché lavorare con lei era bello, il capo migliore che potessimo avere. Avevamo iniziato insieme, cinque anni fa. Le dicevamo sempre che avremmo dovuto stenderle un tappeto rosso, quando entrava. Sorrideva sempre, anche quando le cose non andavano bene». Quel macchinario, continua, «l’abbiamo usato tutti, in questi cinque mesi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *